L’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia fondata a Roma nel 2001 è iscritta dal 2004 nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato della Regione Lazio, si contraddistingue per la multidisciplinarietà e le specifiche esperienze in ambito psicologico giuridico forense dell'equipe.

Per saperne di più >>

Centro Presunti Autori

Percorsi di ri-socializzazione e gestione delle separzioni

Centro Nazionale Minori

Percorsi di prevenzione ed educazione alle relazioni

Osservatorio sulle Relazioni

Percorsi di ri-educazione alle relazioni per single e coppie

Centro Psicologia Maschile

Incontri e percorsi di ri educazione e condivisione.

Numero nazionale Stalking

Dal lunedì al venerdì ore 10.00 - 19.00
telefono 0644246573
nel fine settimana
327.46.60.907

Stalking Cronaca

Il Sondaggio

Valutate utile il decreto su stalking, violenza e femminicidio a contenere i casi?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...

AIUTA IL VOLONTARIATO

Fai una donazione all'AIPC ccp 56039688 - CF 97238660589.

PUBBLICAZIONI

Adolescenza Violenta

Scienze Criminologiche e Forensi
Il manuale contiene approfondimenti e dati.
Collana Scienze Psicologiche e Forensi
Approfondimenti. ricerche e testimonianze

PARTNERS

FASTWEB
E' il principale operatore alternativo nelle telecomunicazioni a banda larga su rete fissa in Italia.
Fater spa
E’ leader sul mercato italiano dei prodotti assorbenti per la cura della persona.
Co.I.S.P.
Sindacato Indipendente della Polizia di Stato. Ufficio Formazione ed Aggiornamento Professionale
 

Cronaca

Stalking condominiale

VICENZA—I rapporti tra vicini, talvolta, possono diventare davvero difficili. Dal rumore di notte alla pulizia delle scale, dall’aspirapolvere in funzione all’alba fino al parcheggio molesto davanti ai garage… Le occasioni per litigare non mancano. Ma quando le antipatie reciproche sconfinano nei dispetti continui e nella persecuzione, in una lotta all’ultima vendetta, il caso non può che finire in tribunale, con un accusa ben precisa: stalking. E’ quello che è accaduto in una palazzina di Contrà Do Rode, a Vicenza. Sotto accusa una coppia di fidanzati che il giudice, per salvaguardare la serenità dei vicini, ha costretto ad allontanarsi dal condominio. Insomma, a traslocare. I problemi sono iniziati quando nella palazzina si è trasferita una ragazza di 28 anni, M.L.P. Il suo fidanzato, cinque anni più giovane, F.G., pur non abitando con lei, frequenta quotidianamente la casa. La nuova presenza però sembra non essere stata accettata di buon grado da chi, residente nello stesso condominio ormai da anni, si aspetta che le regole comuni, oltre a quella non scritte del buon senso, vengano rispettate. Prima una gentile e timida richiesta di rispetto. Poi un qualche appunto un po’ più fermo. Da una parte la famiglia del piano superiore, che non tollera che le proprie abitudini vengano sconvolte dai due giovani, dall’altra la nuova arrivata, che non ne può più di sentirsi così scomoda in casa propria per l’esasperata intolleranza dei vicini di casa. Ne è nata una guerra. Un anno intero di continue ripicche su ripicche, finite sul tavolo del pubblico ministero con una lunga e dettagliata denuncia. I due giovani infatti, stufi di sentirsi riprendere, e forse aggiungendo un pizzico di infelice goliardia alla situazione, hanno ben pensato di farla pagare ai vicini. Prima con le chiamate anonime. Una, due, tre volte. Alcune mute. Altre arricchite con qualche scherzo di cattivo gusto.  Poi, secondo la denuncia presentata dalla parte lesa, i due avrebbero persino aprofittato dell’assenza della famiglia in ferie, per staccare la corrente del loro appartamento dal contatore generale. Al rientro la famiglia si è ritrovata con frigorifero e freezer scongelati, cibo da buttare nella spazzatura, mentre l’acqua aveva innondato i pavimenti. Non contenti i due avrebbero ben pensato di alzare il tiro attaccando in giro per la città dei biglietti erotici «Caliente e disponibile, per appuntamento chiama… » e a seguire, manco a dirlo, il numero di casa della famiglia. Che a quel punto, esasperata, ha presentato denuncia. I due sono stati indagati per stalking, il giudice per le indagini preliminari Eloisa Pesenti, sollecitata dalla richiesta del pm di una misura, ha stabilito l’allontanamento. La coppia, alla presenza delle forze dell’ordine, ha dovuto traslocare. (http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2010/27-aprile-2010/stalking-condominio-giudice-sfratta-coppia-1602911406830.shtml)

I rapporti di vicinato sono il secondo contesto “preferito” per agire gli atti persecutori, oltre il 25% degli atti hanno come cornice il vicinato, fonte O.N.S. (2007).

Be Sociable, Share!

4 Responses to “Stalking condominiale”

  1. Zuleima Wever Says:

    Buonasera,
    Sono vittima di Stalking ormai da molto tempo. I vivni mi prendono a parole e di notte non mi lasciano dormire.Di conseguenza mi alzo spesso nervosa e sbatto quello che trovo, creando problemi con gli altri vicini.Il problema lo crea sempre un vicino e poi si uniscono e per molestarmi acora di piu. Quando esco e rientro di casa vengo insultata da qualcuno che no si fa vedere.Quando vado al bagno mi sento insultare e la peggiore cosa e che dal mese di Settembre 2013 mi svegliono con insulti critiche e minacce che mi fanno stare sempre in ansia, anche se non ho mai incontrato uno di loro. Ho bisogno urgentemente di aiuto perche sono sola, mio marito lavora all’estero.

  2. Marta Says:

    Il primo consiglio che mi viene da darle è di registrare rumori e insulti. Può poi rivolgersi ai vigili se l’amministratore non riesce a risolvere la situazione. Le registrazioni sono una buona prova. Ci è un ebook liti di condominio

  3. Marta Says:

    Mi è partito il tasto. Volevo scrivere che vi è un ebook liti di condominio che parla anche in merito allo stalking.. Comunque su internet si trovano tanti consigli

  4. elena Says:

    Ho avuto minacce, intimidazioni e calunnie. Non c’è modo di risolvere questi accadimenti di anni. Ultimamente mi hanno detto che devo vendere l’appartamento per la mia antipatia. Faccio presente che lavorando, non rimango a casa se non nelle prime ore della mattina e la notte per cenare e dormire. Non ho piu’ una vita privata e sono da età giovanile considerata al pari di una donna di facili costumi. Mi hanno diffamato anche nel quartiere. Cosa posso fare? Non ho testimoni, ma queste persone riescono a pagare testi e riescono a convincerli.

Lascia un commento