L’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia fondata a Roma nel 2001 è iscritta dal 2004 nel Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato della Regione Lazio, si contraddistingue per la multidisciplinarietà e le specifiche esperienze in ambito psicologico giuridico forense dell'equipe.

Per saperne di più >>

Centro Presunti Autori

Percorsi di ri-socializzazione e gestione delle separzioni

Centro Nazionale Minori

Percorsi di prevenzione ed educazione alle relazioni

Osservatorio sulle Relazioni

Percorsi di ri-educazione alle relazioni per single e coppie

Centro Psicologia Maschile

Incontri e percorsi di ri educazione e condivisione.

Numero nazionale Stalking

Dal lunedì al venerdì ore 10.00 - 19.00
telefono 0644246573
nel fine settimana
327.46.60.907

Stalking Cronaca

Il Sondaggio

Valutate utile il decreto su stalking, violenza e femminicidio a contenere i casi?

Visualizza Risultati

Loading ... Loading ...

AIUTA IL VOLONTARIATO

Fai una donazione all'AIPC ccp 56039688 - CF 97238660589.

PUBBLICAZIONI

Adolescenza Violenta

Scienze Criminologiche e Forensi
Il manuale contiene approfondimenti e dati.
Collana Scienze Psicologiche e Forensi
Approfondimenti. ricerche e testimonianze

PARTNERS

socialmente.net il nuovo portale dell’AIPC

FASTWEB
E' il principale operatore alternativo nelle telecomunicazioni a banda larga su rete fissa in Italia.
Fater spa
E’ leader sul mercato italiano dei prodotti assorbenti per la cura della persona.
 

Cronaca, Milano

Strage a Brescia, uccide ex moglie e altre tre persone

BRESCIA – Un uomo di 34 anni ha ucciso stanotte l’ex moglie ed altre tre persone. E’ successo intorno alle 3:30 in via Raffaello. L’uomo ha sparato, in strada, prima all’ex coniuge e ad un amico della donna, uccidendoli, poi si è recato nell’abitazione dell’ex moglie, dove ha trovato la figlia ventenne della donna, che la vittima aveva avuto da una precedente relazione, ed un amico della giovane, pure lui ventenne: il trentaquattrenne ha impugnato di nuovo l’arma e non ha risparmiato neppure loro. Ancora ignoti i motivi del gesto dell’uomo, che subito dopo gli omicidi è stato fermato da un carabiniere del Nucleo radiomobile di Brescia, residente a pochi metri di distanza dal luogo dei delitti. Il militare è entrato in azione da solo, mentre l’omicida aveva ancora la pistola in mano. Ad intervenire per competenza territoriale, insieme ai Carabinieri, anche la Squadra mobile della Questura di Brescia.

Fonte: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2012/03/04/visualizza_new.html_127258028.html

Be Sociable, Share!

Lascia un commento